Ma in gravidanza le strazianti file al supermercato o alla posta posso essere evitate?

Sono dell’opinione che la gravidanza non sia un’invalidità e che, con le dovute accortezze, in questo periodo meraviglioso si possano fare moltissime cose.

Tuttavia, mi rendo conto che vi è anche un limite invalicabile per poter fare tutto…mi spiego meglio, i primi tre mesi, tutti sanno oramai da sempre, che sono i mesi più delicati per una donna in gravidanza, come tra l’altro gli ultimi tre ove il pancione incombe e la stanchezza la fa da padrona.

Ecco proprio in questo periodo la donna in gravidanza avrebbe bisogno di più accortezze e più premure in quanto fisicamente è comunque provata e non tutte riescono a sopportare le file interminabili ai supermercati, alla posta, alla banca, ovunque!

Premetto che personalmente ho sempre utilizzato in merito il buon senso, ossia quando le file non sono lunghissime, quando fisicamente ho potuto affrontare anche quelle lunghe, ho ritenuto inutile chiedere la cortesia di farmi saltare la fila. Tuttavia, alcune volte mi sono trovata nella necessità di poter chiedere la cortesia di passare avanti.

Le lunghe e faticose file mi hanno dato conferma della grande INCIVILTA’ della maggior parte dei cittadini italiani.

Un giorno mi sono recata in Farmacia, la fila era lunghissima, avevano appena chiamato il numero 70 mentre io avevo il numero 95 L. Nella farmacia c’erano solamente tre posti per sedere due occupati da due signore di mezza età e l’altro posto occupato da un disabile. Le signore, appena mi hanno vista e soprattutto notato il pancione, si sono prontamente rivoltate dall’altra parte. Il signore che stava davanti a me dice ad alta voce:”fatela passare è in gravidanza”, tutte le persone in fila hanno fatto completamente gli indifferenti ed ho anche sentito una signora che diceva: “se lei è incinta io sono vecchia”….paradossalmente questa signora abita sulla stessa mia via e molte volte le ho dato un passaggio con la macchina per gentilezza……comunque alla fine ho fatto l’intera fila, in piedi per l’80% del tempo di attesa…

Un’altra volta alla posta mi è capitata una scena simile……solo che mi ha salvato come un angelo l’impiegata che appena mi ha visto mi ha chiamato e le persone in fila prima di me hanno annuito dicendo: “ bhè è giusto”, è giusto un cavolo! Ma non avete visto anche voi che ero incinta? Con il pancione che era un mega cocomero per quanto fosse ingombrante !

Mi sono informata in Italia una legge che da’ la precedenza alle donne incinta non esiste, sono però permesse iniziative locali, ovvero un ufficio postale, in un supermercato o farmacia si potrebbe mettere una corsia preferenziale, e nessuno potrebbe impedirlo.

Quindi anche qui, come i posti rosa, è bene essere informate e sapere che non si parla di diritto ma di un MERO GESTO DI CORTESIA….purtroppo!

In un paese dove quotidianamente si assiste all’abbandono di poveri cani innocenti, si assiste a persone che, abusivamente, occupano i posti auto riservati ai disabili, mi chiedo perché dovrei ancora stupirmi….

Annunci

2 thoughts on “Ma in gravidanza le strazianti file al supermercato o alla posta posso essere evitate?

  1. ora ti racconto cosa mi è successo e dirai :- hai la nuvoletta di fantozzi. ero a termine (quasi ) della gravidanza, precisamente alla 37 settimana, era un venerdì, il martedì avevo in programma il parto, ero in studio dal medico di base, c’erano cinque persone prima di me, io pallidissima, mi sento male, vado in bagno ma non chiedo di passare avanti, mi tolgo la giacca e si vede la pancia. il mio colore da pallido diventa grigio, la segretaria mi fa passare davanti a due donne anziane, sai cosa mi sono sentita dire’ a signor nun se o putev fa veni prim TRADUZIONE la signora non poteva farselo venire prima, come se avessi deciso io di avere una gravidanza difficile oppure di sentirmi improvvisamente male. questa la nostra nazione, ma questo è proprio il mondo, la ragione per cui ho deciso di occuparmi di sostegno in gravidanza, le donne sono le prime nemiche. a onor del vero devo dire anche che molte donne incinte pensano che la strada debba essergli spianata, di recente mi sono ricoverata (non mi faccio mancare nulla) in camera una mamma incinta con mamma sua a seguito, che inferno, ma un po’ di comprensione fra noi quando ci sarà? boh

    Mi piace

    1. che tristezza nessuna solidarietà e comprensione. Come dici giustamente tu, non si sceglie di stare male ! purtroppo ciò che manca è il proprio una buona dose di senso civico, ognuno è diffidente dell’altro tanto che quando si fa una cortesia sembra che si viva su un altro pianeta!!!. Mi dispiace che anche tu ti sia trovata in questa spiacevole circostanza, ma credimi purtroppo sto constatando che capita sempre più frequentemente:(

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...